Kenya, presentato piano di impatto ambientale per una centrale nucleare

Kenya, presentato piano di impatto ambientale per una centrale nucleare

L’Agenzia nucleare del Kenya ha appena presentato una valutazione d’impatto per la realizzazione di un programma di costruzione di una centrale nucleare da 5 miliardi di dollari. L’infrastruttura da costruire dovrebbe essere operativa entro il 2027. Il governo prevede di quadruplicare la sua capacità entro il 2035 secondo l’Agenzia nazionale per l’energia nucleare.
Tutte queste informazioni sono contenute in un rapporto pubblicato dall’agenzia per i commenti del pubblico prima di presentarlo all’autorità nazionale per l’ambiente per l’approvazione. Il progetto può continuare dopo aver ottenuto il parere favorevole dell’autorità nazionale per l’ambiente. Nel frattempo, l’agenzia nazionale per l’energia nucleare sta valutando le diverse tecnologie disponibili per i reattori nucleari al fine di selezionare quella più adatta al Paese.
L’attuazione di questo progetto di energia nucleare rientra nell’ambito della “Big Four Agenda” attuata dal governo e basata su quattro pilastri, tra cui l’energia. In quest’area, il Paese punta ad aumentare la sua capacità elettrica dagli attuali 2.712 MW a 22.000 MW entro il 2031 per alimentare la sua espansione industriale. Le altre tre componenti del programma sono l’agricoltura, la sanità e l’edilizia abitativa.

 

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 369 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Kenya

Il Kenia si prepara ad un nuovo Eurobond

Il Kenya potrebbe diventare il primo paese africano ad affacciarsi sui mercati internazionali quest’anno, in quanto sta cominciano un roadshow questa settimana, ma il finanziamento degli Eurobond rischia di rimanere

Uganda

Brexit, le conseguenze per la East African Community

Le economie dell’Africa orientale stanno valutando le conseguenze del voto della Gran Bretagna la scorsa settimana per lasciare l’Unione europea. Le banche centrali hanno dichiarato che devono monitorare l’impatto immediato del

Sud Africa

Sud Africa – Dal prossimo anno si potrà studiare il cinese nelle scuole pubbliche.

A partire dal gennaio 2016, gli alunni delle scuole sudafricane potranno scegliere mandarino come lingua supplementare. Il cinese e’ stato aggiunto come parte del curriculum scolastico da una nota del ministero