AFDB: L’Africa ha bisogno di un urgente incremento del trade finance per sorpassare la crisi del COVID-19

AFDB: L’Africa ha bisogno di un urgente incremento del trade finance per sorpassare la crisi del COVID-19

C’è un urgente bisogno di finanziamenti per ridare energia al commercio africano sulla scia della pandemia COVID-19, secondo l’ultimo rapporto sui finanziamenti al commercio pubblicato congiuntamente dalla Banca africana di sviluppo e dalla Banca africana per l’esportazione e l’importazione.

Secondo il rapporto, solo il 40% del commercio africano è intermeditato dalla banca – una quota molto inferiore alla media globale dell’80%. Anche il deficit di finanziamento del commercio resta inaccettabilmente elevato, pari a 81 miliardi di dollari nel 2019.

Il rapporto ha rilevato che queste sono alcune delle sfide strutturali che ostacolano la capacità delle banche di intermediare efficacemente gli scambi commerciali dell’Africa con il mondo. Ha inoltre evidenziato il ruolo critico delle istituzioni finanziarie per lo sviluppo a sostegno del settore.

Lo studio ha anche rilevato che i colli di bottiglia non intenzionali di regolamentazione sono uno dei principali vincoli che ostacolano questi modelli.

Il rapporto, intitolato Trade Finance in Africa: Trends Over the Past Decade and Opportunities Ahead, si basa su due precedenti studi pubblicati nel 2014 e nel 2017. Si basa su un’indagine di oltre 600 banche commerciali uniche nel loro genere in 49 paesi in tutta l’Africa per il 2011-19.
Il rapporto si pone come punto di riferimento per la finanza commerciale in Africa prima della crisi COVID-19 e raccomanda risposte politiche al settore sulla scia della pandemia. “Con la pandemia COVID-19 in corso, la necessità di finanziamenti per ridare energia al commercio della regione è urgente”.

“La buona notizia è che le istituzioni finanziarie per lo sviluppo (DFI), tra cui la Banca africana di sviluppo, stanno svolgendo un ruolo più attivo nel sostenere l’industria della finanza commerciale in Africa”, dice.
Più della metà delle banche impegnate in attività di finanza commerciale tra il 2015 e il 2019 hanno ricevuto sostegno dalle DFI per espandere le loro transazioni. Tuttavia, secondo il rapporto, il sostegno del DFI è deviato verso particolari sottoregioni e intermediari finanziari – principalmente banche private di proprietà straniera.

Il rapporto ha formulato raccomandazioni per incrementare l’offerta di finanziamenti commerciali in Africa, tra cui la sensibilizzazione sull’impatto dei severi requisiti normativi sugli intermediari del settore e la risoluzione delle disparità geografiche e istituzionali nel sostegno del DFI al settore.

Stefan Nalletamby, direttore del Dipartimento per lo sviluppo del settore finanziario della Banca africana di sviluppo, ha osservato che la serie di rapporti è diventata il principale documento di riferimento per il settore nel continente.

“Essa riflette il crescente ruolo di leadership di pensiero della Banca su questo importante argomento. Ci auguriamo che i risultati di questo rapporto possano motivare i responsabili politici e gli esperti del settore a elaborare e attuare strategie per rendere i finanziamenti commerciali più accessibili ai commercianti africani, in particolare alle PMI negli Stati fragili e nei Paesi a basso reddito”, ha affermato.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 393 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

Kenya: 1.5 miliardi per l’estensione delle rete feroviaria

Il Kenya ha ottenuto un prestito di $ 1,5 miliardi dalla Cina per estendere la linea ferroviaria dalla capitale alla città di Naivasha nella Rift Valley, ha dichiarato un portavoce della

Africa Occidentale

La Nigeria e l’Angola chiedono aiuto alla Banca Mondiale

La Nigeria e l’Angola, i due più grandi produttori di petrolio dell’Africa, sono entrambi in trattative con la Banca mondiale per ricevere un supporto per fronteggiare i bassi prezzi del greggio, che hanno

Kenya

Il Kenia si prepara ad un nuovo Eurobond

Il Kenya potrebbe diventare il primo paese africano ad affacciarsi sui mercati internazionali quest’anno, in quanto sta cominciano un roadshow questa settimana, ma il finanziamento degli Eurobond rischia di rimanere