Sud Africa: Moody’s teme un ulteriore downgrade del debito pubblico

Sud Africa: Moody’s teme un ulteriore downgrade del debito pubblico

L’agenzia di rating Moody’s ha avvertito ieri che il rating del credito sovrano del Sudafrica potrebbe essere spinto ulteriormente nel territorio dei sub-investimenti, dato che il debito pubblico sta crescendo ad un ritmo allarmante.

Moody’s ha detto che la loro prossima revisione del credito verrà dopo la dichiarazione sulla politica di bilancio a medio termine del ministro delle Finanze Tito Mboweni in ottobre.Tuttavia, l’analista capo di Moody’s per il Sudafrica Lucie Villa ha avvertito che c’era già un certo rischio di ribasso nelle previsioni economiche per quest’anno.

Villa ha detto che il rischio principale per le prospettive di credito per gli enti del settore pubblico in Sudafrica è rappresentato dalla seconda ondata di Covid-19, dalle entrate sottotono, dalle nuove interruzioni di corrente e dall’eccesso di debito.

Ha detto che le finanze del governo continuano a deteriorarsi, schiacciate dalla spesa salariale del settore pubblico, nonché dai trasferimenti e dalle garanzie alle imprese statali.

Villa ha detto che l’onere del debito di Eskom è aumentato di oltre il 55 percento negli ultimi anni, mentre Transnet ha ridotto di circa il 14 percento e Airports Company of SA ha superato il 40 percento.

Ha detto che il debito del governo in percentuale del prodotto interno lordo (PIL) è destinato ad aumentare drasticamente e a superare il 100 per cento in un futuro non troppo lontano.

“Il Sudafrica ha una crisi del debito elevato. Il debito pubblico totale è aumentato di oltre il 30% in 10 anni, mentre il debito del settore privato si è attenuato nello stesso periodo”, ha detto Villa.

“Tutte le tendenze a risanare il debito dipenderanno dalle riforme strutturali. Se le riforme strutturali non riusciranno a raggiungere il consolidamento fiscale, ci sarà una pressione fiscale più negativa”.

Moody’s ha detto che il debito nazionale lordo del Paese si avvicinerà a R4trilioni, ovvero all’81,8 per cento del PIL, entro la fine di questo anno fiscale.

A marzo Moody’s ha declassato il rating del Sudafrica a “spazzatura” a causa del continuo deterioramento della solidità fiscale e della crescita strutturalmente debole.

Ieri l’agenzia ha avvertito che un ulteriore taglio del rating del Paese potrebbe far lievitare i costi di finanziamento del governo.

“Il governo dovrà pagare sempre più interessi in termini di grandi prestiti”, ha detto. “Il canale di credito principale sarà più costoso”.

Villa ha detto che il Sudafrica sta affrontando una battaglia in salita per riprendersi dall’impatto di Covid-19, poiché tutti i settori dell’economia sono in difficoltà, ad eccezione delle banche, che sono rimaste liquide a causa della minore domanda di credito.

“Con ogni probabilità, resteremo in un ambiente in cui il governo è fortemente vincolato a rimuovere lentamente le misure di sostegno all’economia”, ha detto. “Naturalmente, se si va troppo velocemente o troppo lentamente, si mette a rischio la ripresa”.

Le difficoltà economiche ed elettriche del Sudafrica hanno visto il governo muoversi con rapidità verso l’acquisto di ulteriori 11800 MW di elettricità da produttori di energia indipendenti.

L’economista capo di Investec, Annabel Bishop, ha dichiarato che il passaggio a consentire l’approvvigionamento supplementare di energia elettrica ha segnato un punto chiave per la futura ripresa dell’economia.

“Queste riforme, se attuate in modo efficiente, miglioreranno la facilità di fare affari e quindi la crescita economica solo se altri blocchi normativi, complessità e oneri onerosi saranno sbloccati in tutti i settori primari e secondari dell’economia”, ha detto Bishop.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 393 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

Ruanda, un alto tasso di successo per le Start-Up

Globalmente la maggior parte delle start-up fallisce, ma in Ruanda sembra essere diverso, secondo le statistiche, circa il 90 per cento delle start-up fallisce a livello globale, ma non nel paese. Julienne

Politica

Sud Africa e Cina, dietro al gioco di specchi

I rapporti tra la Repubblica Popolare Cinese ed il Sudafrica si sono rafforzati significativamente negli ultimi anni, come dimostrato da una serie di proclami economici e politici. Il 2014 è stato soprannominato “l’anno del

Africa del Sud

FDI in Africa per 87 Miliardi, Energia e Industria guidano la classifica

Gli investimenti diretti esteri (IDE) in Africa sono aumentati del 64%, arrivando a quota 87 Miliardi di dollari, ma le economie dell’Africa orientale non sono stati tra i primi destinatari degli