Sierra Leone: La diga di Bumbuna verso il closign finanziario

Sierra Leone: La diga di Bumbuna verso il closign finanziario

La costruzione della seconda fase del progetto idroelettrico di Bumbuna in Sierra Leone si sta avvicinando alla chiusura finanziaria a seguito dell’impegno di sostegno finanziario di InfraCo Africa, una società finanziata da più governi che fornisce capitale di sviluppo iniziale e competenze per lo sviluppo di progetti infrastrutturali nell’Africa subsahariana.

La società Private Infrastructure Development Group (PIDG) di proprietà di Private Infrastructure Development Group (PIDG) ha garantito di offrire 6 milioni di dollari per l’implementazione del progetto di energia rinnovabile in corso di sviluppo da parte di Joule Africa.

InfraCo Africa diventa il quarto ente che si impegna a sostenere il progetto idroelettrico Bumbuna II. Altri sono Electrification Financing Initiative (ElectriFI), uno strumento di investimento finanziato dall’Unione Europea e gestito dalle istituzioni finanziarie europee per lo sviluppo, la Development Bank of South Africa (DBSA),un’istituzione finanziaria per lo sviluppo interamente di proprietà del governo sudafricano e la African Alpha Investment Partners, una società di investimento con sede a Londra fondata per contribuire a riunire opportunità di investimento e capitali in tutto il continente africano.

Joule Africa spera di completare il processo di leva finanziaria per il suo progetto entro il prossimo anno, in modo da iniziare i lavori di costruzione vera e propria che richiederanno 48 mesi per essere completati.
Il progetto idroelettrico Bumbuna II

Il progetto idroelettrico di Bumbuna II prevede la costruzione di una nuova diga di 115 km² sul fiume Seli a Yiben che fornirà l’acqua per la rotazione di due turbine della centrale idroelettrica di Bumbuna II che produrrà circa 143 MW di elettricità.

L’elettricità sarà immessa nella rete elettrica del paese attraverso una linea di trasmissione a 225 kV da Yiben a Freetown. Questa linea ad alta tensione sarà collegata anche al sistema di scambio di energia dell’Africa occidentale che collega diversi paesi vicini, tra cui la Costa d’Avorio, la Liberia e la Guinea.

Si prevede che questo progetto avrà un impatto estremamente positivo, consentendo uno sviluppo economico sostenibile nel paese dell’Africa occidentale.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 393 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Tanzania

Africa: Total investe in startup per l’energia solare

La società petrolifera francese Total ha annunciato Martedì che aveva acquistato una partecipazione in start-up dell’energia solare in Africa attraverso il fondo di Total Energy Ventures che si espande nelle energie rinnovabili. Total ha

Repubblica Democratica Del Congo DRC

RDC: Formato consorzio Sino-Spagnolo per la costruzione della diga Inga III

Le aziende cinesi e spagnole scelte dalle autorità congolesi hanno finalmente accettato di formare un consorzio per lo sviluppo del progetto idroelettrico Inga III. Sulla scia di questo accordo, il

Energia

L’Angola ha grandi programmi per l’elettrificazione

Il governo angolano sta prendendo molto sul serio la necessità di espandere i tassi di elettrificazione nel paese dell’Africa meridionale e cercherà di aumentare la produzione di energia dal 38%