Kenya: Macron riceve il presidente del Kenya per la firma di tre contratti

Kenya: Macron riceve il presidente del Kenya per la firma di tre contratti

Emmanuel Macron ha ricevuto il presidente del Kenya Uhuru Kenyatta per rafforzare le relazioni economiche tra i due Paesi, in particolare con la firma di tre contratti di infrastrutture aggiudicati a gruppi francesi.

In questa occasione, Emmanuel Macron dovrebbe, come ha fatto durante la sua visita in Kenya nel marzo 2019, “insistere sull’opportunità di un partenariato economico rafforzato con l’Africa”, secondo la Presidenza francese. “Incoraggerà le aziende francesi a proiettarsi maggiormente sul continente”, in particolare nei Paesi anglofoni dell’Africa orientale, dove sono poco presenti.

Emmanuel Macron e Kenyatta hanno presieduto alla firma di “tre grandi progetti per rafforzare le relazioni economiche” tra i due Paesi, per un valore complessivo di 2,15 miliardi di euro, secondo l’Eliseo.

Il primo partenariato pubblico-privato (PPP) di VINCI Concessionario in Africa

La più importante di queste, annunciata durante la visita di marzo 2019, è una concessione trentennale per la costruzione dell’autostrada Nairobi-Nakuru-Mau Summit, lunga 187 km, da parte del consorzio Meridiam-Vinci Construction-Vinci Concession.

Con un costo stimato di 1,6 miliardi di euro, “questo sarà il più grande partenariato pubblico-privato (PPP) dell’Africa orientale”, secondo il Palazzo dell’Eliseo. Questo percorso è importante perché è utilizzato dai camion che trasportano merci importate in Kenya attraverso il porto di Mombasa verso i paesi vicini come l’Uganda o il Ruanda.

I lavori di costruzione, che dureranno 42 mesi, saranno realizzati da un consorzio di società composto dalle controllate di VINCI Construction: Sogea-Satom, che ha una presenza di lunga data in Kenya, e VINCI Construction Terrassement, specializzata in grandi progetti infrastrutturali.

VINCI Highways, una filiale di VINCI Concessions, si avvarrà della sua esperienza tecnica e operativa per sviluppare nuovi modelli di gestione del traffico, implementare attrezzature e piani di manutenzione all’avanguardia e offrire programmi di formazione per i dipendenti locali.

Il secondo contratto prevede il finanziamento del prolungamento della linea 4 della metropolitana di Nairobi, che collegherà l’aeroporto al centro. È stato sviluppato da un consorzio delle società francesi Transdev, Egis, Vinci, Vinci, Alstom, Thalès e STOA, e prevede un prestito di 128 milioni di euro del Tesoro francese.

Il terzo mira a finanziare il collegamento della centrale geotermica di Menengai nel nord-ovest del Kenya alla rete elettrica nazionale. Beneficiando di un prestito del Tesoro di 62,5 milioni di euro, è sostenuto da General Electrics France, Alstom e Larsen e Toubro Ltd.

“La Francia sta quindi promuovendo una crescita a basse emissioni di carbonio in un paese con il mix energetico più verde della regione (80% di energie rinnovabili)”, sottolinea l’Eliseo.

Una conferenza internazionale si terrà a maggio in Francia per ridefinire “le regole per il finanziamento dell’economia africana”, ha annunciato giovedì il presidente francese Emmanuel Macron, chiedendo un quadro di finanziamento “più pulito” e “più equo” con l’Africa.

Macron è intervenuto al forum annuale Bpifrance Inno Generation (BIG), tenutosi a Parigi e presentato come uno dei più grandi raduni europei dedicati agli imprenditori. Ha parlato al fianco del presidente keniota Uhuru Kenyatta, che era in visita in Francia e invitato a questo forum.

“Perché da anni un Paese come il Kenya guarda alla Cina? Perché la Cina ha fornito finanziamenti chiavi in mano e finanziamenti altamente competitivi perché (i cinesi) non rispettano le regole dell’OCSE, perché a volte erano addirittura al limite nel far correre rischi ai paesi”, ha detto.

“Stiamo lottando per standardizzare i finanziamenti internazionali (…); la prossima primavera organizzeremo – e ho invitato il presidente Kenyatta – un summit con tutti i nostri principali partner – Cina, i nostri partner europei, americani e altri partner asiatici al di fuori della Cina – per ridefinire insieme le regole del finanziamento dell’economia africana”, per avere “le stesse regole del gioco, che sono sostenibili per il continente africano”, ha continuato.

“Il nostro rapporto con l’Africa deve diventare ancora una volta una scommessa vincente: aiutare l’Africa a combattere la corruzione, a combattere contro i grandi mercati le cui conseguenze la gente non vede mai nella propria vita, a dare opportunità ai suoi giovani e a permettere ai nostri imprenditori e alle nostre imprese in un contratto molto più equilibrato di svilupparsi lì”, ha detto.

“Questo richiede un quadro di finanziamento molto più chiaro e più equo”, ha detto.

“Se non riusciamo ad aiutare l’Africa a svilupparsi, noi europei ne pagheremo il prezzo e continueremo a parlare dell’Africa solo a causa della migrazione di giovani che non sono stati aiutati a trovare opportunità nel loro continente”, e ha creduto che l’Africa “abbia uno straordinario potenziale di sviluppo”.

Secondo la Presidenza francese, la conferenza annunciata per il mese di maggio è la continuazione dell’iniziativa della Francia di riunire diversi leader africani ed europei per chiedere un sostegno sostanziale per aiutare l’Africa ad affrontare la crisi COVID-19.

“Oggi si tratta di proiettarsi in un orizzonte più ambizioso e di gettare le basi per un nuovo ciclo di crescita in Africa senza ripetere un ciclo di re-indebitamento”, secondo una fonte del Palazzo dell’Eliseo.

Il presidente keniota ha invitato giovedì gli imprenditori francesi a “cogliere le opportunità che esistono” in Kenya e in Africa. Ha detto di aver avuto “molto piacere a lavorare” con il presidente Macron negli ultimi anni.

Secondo Kenyatta, Emmanuel Macron “capisce che il futuro della Francia nel continente africano non deriva necessariamente dalla sua storia, ma dal potenziale di prosperità reciproca in Africa, lavorando insieme per costruire le nostre economie e la crescente prosperità”.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 419 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Occidentale

11 fatti sorprendenti sul mobile money in Africa

L’utilizzo dei servizi di mobile money in Africa continuerà a crescere, parallelamente alla diffusione di smartphone sempre piu’ a buon mercato. La maggior parte dei due miliardi di persone nel

Africa Centrale

Dar Es Salaam ospiterà il from Russia Africa

La due giorni del Forum Russia Africa 2016 (RAF-2016) si terrà presso il centro Julius Nyerere International Convention (JNICC) a Dar es Salaam ospiterà un folto gruppo di rappresentanti del governo russo,

Politica

Gli Stati Uniti sono preoccupati che la Cina sia diventata la migliore amica dell’Africa: cosa sta facendo Trump?

In una recente intervista alla BBC, Tibor Nagy, il sottosegretario di Stato americano per gli affari africani, ha commentato: “Da troppo tempo, quando gli investitori hanno bussato alla porta, e