Gli ugandesi non hanno ancora abbracciato il “Made in Uganda

Gli ugandesi non hanno ancora abbracciato il “Made in Uganda

Più di 10 anni fa, l’Uganda ha iniziato la stesura della legislazione e della documentazione relativa alle politiche per avviare la crescita dell’industria tessile locale. Ciò faceva parte di un’iniziativa volta a consentire al Paese di monetizzare il cotone di alta qualità, invece di esportarne circa il 90% sotto forma di lanugine (in forma grezza).

Ma la strategia del governo di avere professionisti come protagonisti principali dell’industria tessile e di eliminare progressivamente l’importazione di tessuti usati soprattutto dall’Europa, dall’Asia e dagli Stati Uniti d’America è ancora zoppicante quattro anni dopo che l’idea di un divieto di tali importazioni è stata discussa a livello regionale.

Sebbene alcuni attori della società civile siano preoccupati per la mancanza di volontà politica di accelerare il processo di eliminazione graduale dell’importazione e dello sdoganamento degli abiti usati, non sembra esserci un chiaro progresso politico.

La National Textile Policy, 2009, rileva che con una popolazione dell’Africa orientale di 120 milioni di persone, la regione ha un potenziale di mercato di 820 milioni di metri di tessuto all’anno, generando circa 1.400 miliardi di Shs (415 milioni di dollari).

“Abbiamo sempre avuto la capacità di produrre abbastanza tessuti per gli ugandesi, ma ciò che mancava era una chiara direzione politica. Perché chiunque possa produrre, ci deve essere una domanda per il prodotto. Non c’è nessun posto al mondo in cui qualcuno possa investire facilmente in uno spazio libero. Attualmente la nostra politica promuove le importazioni.

Quindi è più facile per le persone importare. La gente è così abituata a importare prodotti tessili di seconda mano”, dice Mohammad Muzamil, il responsabile della politica dell’Uganda Manufacturers Association (UMA).
UMA è un’associazione di settore in Uganda che mira a riunire gli industriali e i produttori ugandesi per guidare gli operatori industriali del Paese verso la competitività globale, su una base sostenibile.

“L’Uganda ha molte aziende di abbigliamento che producono capi finiti ma sono limitate nelle loro linee di produzione. Abbiamo Graphics Systems, Tailors Association, più altre, oltre 100 fabbriche di abbigliamento. Si riforniscono dai produttori locali di tessuti e poi confezionano i capi finiti come camicie”, spiega Muzamil.

La Tanzania e l’Uganda, in un confronto tra le comunità dell’Africa orientale nel 2017, hanno insistito sul fatto che il raddoppio dei prelievi sulle importazioni di abbigliamento usato, da 0,20 a 0,40 dollari al chilogrammo, era per i riallineamenti con il valore attuale. Il Ruanda ha aumentato le tariffe da 0,2 a 2,50 dollari per chilogrammo, prima di essere parzialmente sospesa dall’African Growth and Opportunity Act (AGOA).

Si prevedeva che l’aumento delle tariffe all’importazione avrebbe consentito un progressivo ed efficace divieto di importazione di vestiti usati in un contesto di continue minacce da parte dell’AGOA nel caso in cui l’Uganda o qualsiasi altro Paese dell’Africa orientale imponesse un divieto. L’AGOA, entrata in vigore nel 2000, consente l’accesso commerciale preferenziale di circa 6.000 prodotti in esenzione doganale a determinati paesi dell’Africa subsahariana fino al 2025.

La Comunità dell’Africa orientale rappresenta quasi il 13 per cento delle importazioni globali di abbigliamento usato del valore di 274 milioni di dollari secondo uno studio del 2017 dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID). Lo studio ha anche rilevato che circa il 67 per cento della popolazione dell’Africa orientale ha acquistato una parte dei propri vestiti dai mercati dell’abbigliamento usato.

L’Uganda nel 2017 ha adottato una politica – Acquista Uganda Build Uganda (BUBU), per promuovere la sostituzione delle importazioni e avere la maggior parte dei beni prodotti localmente, compresi i prodotti tessili.

Questo per rafforzare gli sforzi per consentire la progressiva eliminazione dell’importazione di vestiti usati nel paese.

“Una volta che avremo coinvolto le piccole e medie imprese e le avremo addestrate, ci troveremo di fronte a più di 200 milioni di dollari all’anno”, ha detto il Ministro del Commercio Amelia Kyambadde al giornale dell’Africa orientale nel 2017.

Ad oggi l’industria tessile è ancora in difficoltà a causa degli alti costi di produzione e dell’incapacità di competere in un’economia di libero mercato dove gli abiti di seconda mano importati sono più economici per la maggior parte degli ugandesi.

Secondo i commercianti che commerciano in abiti di seconda mano, le importazioni sono più redditizie rispetto ai prodotti tessili prodotti localmente.

Di fronte alle materie prime disponibili localmente come il cotone, l’Uganda avrebbe dovuto essere in grado di investire meglio nell’industria tessile, ma la maggior parte del cotone viene invece esportata.

Il cotone, una delle principali materie prime dei tessuti di qualità, è il terzo prodotto di esportazione dell’Uganda dopo il caffè e il tè. È la principale fonte di reddito per circa 250.000 famiglie.

Ma secondo l’Uganda Cotton Organisation, solo il cinque per cento del cotone coltivato localmente è utilizzato da due principali produttori locali – Fine Spinners Uganda Limited e Southern Range Nyanza Limited.

La percentuale cambia con la stagione e la domanda del prodotto.

“Il consumo varia di anno in anno a seconda della domanda dei produttori”, afferma Damlie Lubwama, responsabile della produzione dell’Organizzazione per lo sviluppo del cotone.

Aggiunge: “La disposizione delle scorte di magazzino di riserva che abbiamo è un incentivo da parte del governo a soddisfare il fabbisogno di cotone dei produttori a seconda della quantità che richiedono per la loro produzione tessile”.

Ma durante il periodo del Coronavirus (Covid-19), la signora Lubwama osserva che la domanda di cotone si è ridotta a causa della bassa domanda di capi finiti e del basso potere d’acquisto dei consumatori di tessuti e capi d’abbigliamento.

Mentre l’Uganda e altri paesi dell’Africa orientale guardano all’abbigliamento di seconda mano come a una minaccia per la crescita della loro industria tessile locale, una sfida più grande esiste nella linea di abbigliamento già realizzata del “Made in China”. Secondo lo studio USAID, le esportazioni cinesi di abiti pronti a basso costo in Africa orientale ammontano a 1,2 miliardi di dollari.

Bedi dice che, a parte la spesa per i servizi pubblici, l’acqua e l’elettricità, che è un enorme ostacolo alla competitività dell’industria tessile ugandese, il costo dei finanziamenti è alto.

“Il costo del lavoro in Uganda è competitivo a livello globale, ma il costo della finanza è un grosso deterrente (per gli investimenti) perché se si prende in prestito in Uganda scellini al 15 per cento di interesse, non è competitivo in termini di cassa. Anche la logistica è un grosso costo per gli affari, a meno che non si utilizzino materie prime coltivate localmente, in tal caso si può vendere localmente, nella regione o in tutto il mondo”, spiega.

I costi logistici per l’importazione di merci in entrata per coloro che utilizzano materie prime importate trasportate attraverso il porto di Mombasa possono far lievitare i costi di produzione.

Il cotone è un business da 26 milioni di tonnellate, mentre il poliestere proveniente dalla Cina o dall’India potrebbe essere di circa 80 milioni di tonnellate per produrre ed essere competitivo. Portare il cotone coltivato localmente nelle fabbriche per produrre vestiti sarebbe un’alternativa migliore ai vestiti di seconda mano importati.

“Non dovremmo pensare a come un’azienda possa aumentare il consumo di cotone dal 10 al 12%. La discussione ora dovrebbe essere: come possiamo aggiungere valore al 90 per cento di cotone che esportiamo grezzo nel resto del mondo? Se abbiamo una forte politica di sostituzione delle importazioni e di aggiunta di valore, dovremmo concentrarci su quel 90 per cento che esce e assicurarci di aggiungervi valore”, dice Bedi.

Bedi ritiene che gli incentivi governativi, se finanziati attraverso la Uganda Development Bank, moltiplicheranno gli investimenti del paese e stimoleranno la crescita dell’industria tessile, dato che c’è una domanda locale di abbigliamento di prima mano a prezzi accessibili.

Con le aziende dei paesi in cui il tessile ugandese viene esportato, in particolare negli Stati Uniti, i negozi al dettaglio che chiudono e passano alle vendite online, le aziende tessili ugandesi potrebbero prendere in considerazione l’idea di guardare verso l’interno mentre si parla di eliminare gradualmente l’abbigliamento di seconda mano.

Il mese scorso il Ministro del Commercio, la signora Amalia Kyambadde ha detto al Daily Monitor che il Paese ha interrotto la discussione per vietare l’abbigliamento di seconda mano senza i dettagli di una strategia che permetta all’industria tessile di decollare verso la sostenibilità.

“Qual è il problema dei vestiti usati? Abbiamo detto a voi (i media) che non c’è nessun divieto”, ha detto la Kyambadde.

Ma gli operatori dell’industria manifatturiera dicono che stanno lavorando per far indossare agli ugandesi abiti a prezzi accessibili “Made in Uganda”.

“I capi di stato della Comunità dell’Africa orientale nel 2016 hanno deciso di voler limitare l’importazione di vestiti di seconda mano. Come produttori, abbiamo deciso di fare piccoli passi in quella direzione e di costruire competenze locali”. Fondamentalmente, dobbiamo creare nuovi capi d’abbigliamento a prezzi accessibili nella regione”, dice Bedi Jaswinder, il direttore di Fine Spinners Uganda Limited.

I produttori locali

Secondo UMA, l’Uganda ha quattro principali aziende tessili che producono dal campo alla moda. Si tratta di: Fine Spinners Uganda Limited, Southern Range Nyanza Limited, Sunbelt Textiles Company Limited e Sigma Knitting Industry Limited che affermano di avere la capacità di soddisfare le richieste locali di abbigliamento, ma sono vincolate.

“La finanza è un costo importante per fare affari, perché se avete un grande progetto e non potete finanziarlo, come farete a crescere? Dobbiamo creare un Fondo Tessile come hanno fatto l’India e la Cina come mezzo di finanziamento a prezzi accessibili. In Kenya prendo in prestito a un prezzo più basso che in Uganda. Non vedo perché, perché i rischi sono gli stessi.

Sono in un’unica comunità. Il rapporto debito/PIL è più basso in Uganda che in Kenya, eppure il costo del finanziamento è più alto del Kenya, perché? Se pagate il 15 o 20 per cento come interesse alla banca, questo è il vostro profitto. Non continuerete a lavorare per la banca. L’interesse deve scendere, in modo da iniziare a lavorare per te stesso”, dice il signor Bedi.

Fine Spinners Uganda Limited, un produttore di tessuti kenioti che si è unito al mercato ugandese nel 2014, è orgoglioso di utilizzare il 100% di cotone ugandese proveniente dai campi dei distretti di Kasese e Mbale per la moda.

Non molte aziende in Uganda hanno la capacità di produrre in un contesto sostenibile e rintracciabile cotone e tessuti o capi d’abbigliamento a causa dell’alta concorrenza nell’economia di libero mercato.

L’imposta sul valore aggiunto è troppo alta, il che rende il costo di produzione elevato ed eventualmente il costo dei prodotti finiti. Ci sono discussioni in corso per avere una direzione politica per promuovere i capi d’abbigliamento locali e l’industria tessile”, dice Mohammad Muzamil, il responsabile delle politiche di UMA.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 419 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Tanzania

Tanzania, velocizzare inizio lavori per la nuova ferrovia

La Tanzania sta facendo pressioni sul governo cinese per avviare al più presto i lavori della linea ferroviaria a scartamento normale, che correrà attraverso il corridoio di trasporto centrale. La Cina ha

Africa del Sud

Africa: L’accordo Tripartite Free Trade Area (TFTA)

Due dei più grandi accordi commerciali regionali della storia sono stati concordati lo scorso anno. Il Trans-Pacific Partnership che coinvolge 12 paesi in Asia e nelle Americhe, e si e’

Africa Orientale

Kenia: Amina Mohamed in corsa per la guida del WTO

La candidata keniota alla corsa per il posto di direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) si è qualificata venerdì per il prossimo ciclo di prove dopo aver convinto gli