Africa, l’import di auto usate sta causando un problema ambientale

Africa, l’import di auto usate sta causando un problema ambientale

Tra il 2015 e il 2018, circa l’80% dei 14 milioni di auto usate esportate dall’Unione Europea (UE), dal Giappone e dagli Stati Uniti, è stato destinato a paesi a basso e medio reddito.

L’UE, che rappresenta oltre la metà delle esportazioni globali, ha inviato la maggior parte delle sue auto usate in paesi dell’Africa occidentale e settentrionale. È l’ultimo indicatore di un trend di lungo periodo che vede i paesi africani dipendenti dall’importazione di auto usate principalmente dall’Europa e dal Nord America per tenere il passo con la crescente domanda della classe media, soprattutto in considerazione dei divari nella produzione locale.

Ma senza standard normativi che permettano di valutare la sicurezza e la qualità delle auto importate, gli acquirenti di tutto il continente acquistano inconsapevolmente auto che non rispettano i requisiti europei in materia di sicurezza e di emissioni, come mostra un nuovo rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UN Environment Program).

Prendiamo l’esempio dei Paesi Bassi. Mentre la nazione membro dell’UE ha esportato 35.000 veicoli in Africa occidentale tra il 2017 e il 2018, la maggior parte dei veicoli aveva tra i 16 e i 20 anni, non avevano un certificato di revisione valido al momento dell’esportazione ed erano al di sotto della norma sulle emissioni dei veicoli Euro 4che era stata fissata già nel 2005.

Con l’Africa che rappresenta il maggior numero di importazioni globali annuali di auto usate, il continente è particolarmente a rischio di peggiorare un problema di inquinamento atmosferico dilagante. Ricerche recenti stimano che le emissioni di combustibili fossili delle sole centrali elettriche e dei soli veicoli causeranno quasi 50.000 morti all’anno entro il 2030, con emissioni annue di anidride solforosa e ossidi di azoto che dovrebbero raddoppiare entro il 2030, rispetto ai livelli del 2012.

L’inquinamento dell’aria rappresenta un grosso rischio per la salute quando ci sono alti livelli di concentrazione di particolato con un diametro aerodinamico inferiore a 2,5 micrometri. A queste dimensioni, il particolato può superare le barriere polmonari ed entrare nel flusso sanguigno di un essere umano, causando eventualmente malattie respiratorie e cardiovascolari e, in ultima analisi, la morte prematura. Le emissioni dei veicoli sono una fonte chiave di particolato in molte delle più grandi città africane .

Nonostante gli evidenti pericoli di un peggioramento delle emissioni, le auto usate e importate rimangono molto richieste in tutto il continente, poiché il costo elevato dei veicoli di marca le mette fuori portata per milioni di persone, soprattutto data l’ampia mancanza di opzioni di finanziamento dei veicoli a credito.

In Nigeria, ad esempio, le importazioni di auto usate (note localmente come “Tokunbo”) sono ancora in pieno boom, nonostante un aumento dei dazi all’importazione del[fino al 70%. Nel 2015, quando l’aumento è entrato in vigore, i nigeriani hanno importato [quasi quattro volte di più auto usate rispetto alle auto nuove. E, solo tra il quarto trimestre del 2018 e il terzo trimestre del 2019, i nigeriani hanno speso 1,7 miliardi di dollari per l’importazione di auto usate, secondo i dati dell’ufficio statistico del Paese.

Alzare gli standard

Considerata la forte e sostenuta domanda di auto usate in tutto il continente, la necessità di adottare standard più elevati per i veicoli importati è fondamentale. Infatti, il 68% dei 146 paesi studiati nel rapporto dell’UNEP non ha standard di emissione dei veicoli per le importazioni di auto usate.

Tre Paesi vicini dell’Africa orientale illustrano quanto gli standard normativi sulle importazioni di automobili possano avere un impatto sui livelli di inquinamento atmosferico locale. Mentre l’Uganda ha un limite di 15 anni per l’età delle importazioni di automobili e il Ruanda non ha un limite di età, in Kenya c’è un limite di età massimo di otto anni. Quindi, con le auto in Uganda e Ruanda tipicamente molto più vecchie, il consumo di carburante e i livelli di emissione di anidride carbonica in Kenya sono in media il 25% più bassi rispetto ai due vicini.

Alla ricerca di un modello di regolamentazione di successo, i Paesi africani possono guardare alle Mauritius, dove possono essere importati solo veicoli usati non più vecchi di tre anni. La nazione insulare ha anche istituito un “incentivo fiscale” per i residenti che guidano veicoli con basse o nulle emissioni e la tattica sta dando risultati: il Paese sta registrando un “forte aumento” delle importazioni di veicoli ibridi ed elettrici usati, riferisce l’UNEP.

Diversi Paesi africani hanno istituito politiche automobilistiche per rilanciare o rinvigorire la produzione locale di auto e ridurre le importazioni di veicoli, tuttavia i tempi prima che queste politiche abbiano pieno effetto e l’impatto sui livelli di importazione suggeriscono che i possibili benefici rimangono lontani.

Ma a loro merito, alcuni Paesi africani stanno prendendo una strada alternativa per ridurre i livelli di emissioni. Nel 2016, Nigeria, Benin, Togo, Ghana, Togo e Costa d’Avorio si sono mossi per alzare gli standard di qualità del carburante importato dopo che campioni prelevati da stazioni di servizio di otto paesi africani hanno mostrato livelli di zolfo 150 volte superiori al limite europeo consentito.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 419 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Politica

Kenya contro Gibuti: chi siederà nel Consiglio di sicurezza dell’ONU?

L’Africa di solito parla con una sola voce quando si tratta di eleggere i rappresentanti sulla scena mondiale. Allora, perché si profila una disputa diplomatica alle elezioni del Consiglio di

Politica

La Cina in Africa. La vera storia

Nel mese di dicembre, il presidente cinese Xi Jinping ha offerto prestiti e un pacchetto di aiuti per l’enorme cifra di 60 miliardi di dollari per l’Africa. Xi ha detto che la Cina

Rwanda

Rwanda, eliminazione dei visiti per gli Africani entro il 2018

Il  Rwanda prevede di rimuovere l’obbligo di visto per i cittadini africani in viaggio verso il paese entro il 2018, al fine di attrarre più investitori e turisti dal continente.