Africa: L’influenza cinese e la risposta del continente

Africa: L’influenza cinese e la risposta del continente

Un’importante narrazione dei primi due decenni del XXI secolo è stata l’ascesa della Cina e il suo emergere come protagonista influente in Africa. La relazione è stata reciprocamente vantaggiosa – con i finanziamenti cinesi che hanno alimentato le esportazioni di materie prime dell’Africa, la crescita economica, le infrastrutture e il trasferimento di conoscenze, mentre i minerali africani hanno contribuito alla forte crescita e all’espansione economica della Cina.

Questo rapporto, e le attività della Cina in altre parti del mondo, sono state oggetto di aspre critiche e hanno spinto i partner tradizionali dell’Africa, l’Europa e gli Stati Uniti, a rivalutare il loro rapporto con il continente. Il Covid-19 ha modificato questa prospettiva e le tendenze globali stanno ora convergendo per consentire che il prossimo decennio veda un consolidamento della posizione della Cina in Africa come soggetto esterno leader.

Cosa questo significhi per il futuro collettivo dell’Africa è evidente.
Il continente vivrà la sua prima recessione in 25 anni, innescata dallo shock economico della pandemia di coronavirus. Quattro tendenze negative convergono per creare una tempesta perfetta: un crollo dei prezzi delle materie prime, un massiccio deflusso di capitali dai mercati di frontiera e dai mercati emergenti, un deficit di rimesse e il crollo del turismo.

Una crisi del debito che l’economista Carmen Reinhart prevede che potrebbe richiedere più di un decennio per essere risolta aleggia sul continente.

L’amministratrice delegata del FMI Kristalina Georgieva prevede che l’economia globale affronterà una “lunga ascesa” e prevede “una salita difficile che sarà lunga, disomogenea, incerta e incline alle battute d’arresto”. La situazione sarà complicata da un mondo che si biforca quando l’Occidente inizierà a disaccoppiarsi dalla Cina.

La Cina si rivolgerà sempre più all’Africa

La Cina si rivolgerà sempre di più all’Africa, poiché deve affrontare le ostilità altrove. In Asia, la Cina si trova ad affrontare la sfiducia dei suoi vicini o, nella migliore delle ipotesi, l’ambivalenza. Il Giappone ha aumentato la sua spesa per la difesa a un livello record – lo sfilacciamento dei legami con la Cina è un fattore trainante. Le relazioni con l’India sono diventate violente per la prima volta da decenni all’inizio di quest’anno e Indonesia, Singapore, Corea del Sud, Filippine e Vietnam diffidano tutti di Pechino.

In un sondaggio condotto in 14 economie avanzate e pubblicato all’inizio di ottobre, i ricercatori del Pew Research Center hanno rilevato che nell’ultimo anno sono aumentate le opinioni sfavorevoli sulla Cina.

“Oggi, la maggioranza dei Paesi intervistati ha un’opinione sfavorevole della Cina”, hanno scritto i ricercatori. “E in Australia, Regno Unito, Germania, Paesi Bassi, Svezia, Stati Uniti, Corea del Sud, Spagna e Canada, le opinioni negative hanno raggiunto i loro punti più alti da quando il Centro ha iniziato i sondaggi su questo argomento più di dieci anni fa”.

Nell’emisfero occidentale ci sono forti limiti su quanta ulteriore influenza possa esercitare Pechino in quella che è stata tradizionalmente la sfera d’influenza dell’America. Una leadership competente a Washington vedrebbe Pechino affrontare ovunque un irrigidimento delle ostilità. Mentre il mondo si divide, Pechino si rivolgerà alla regione in cui il suo potere e la sua influenza stanno crescendo e dove non si trova di fronte a nessun concorrente alla pari – l’Africa.

L’Europa e gli Stati Uniti non competeranno per l’influenza

Al di là della retorica severa e dei discorsi, gli Stati Uniti non offriranno un’alternativa in Africa. Il continente non si è mai classificato ai vertici della politica estera statunitense e questo non cambierà. Anche se ci sarà un cambiamento nell’amministrazione, la nuova amministrazione cercherà, nel migliore dei casi, di stabilizzare l’impegno degli Stati Uniti in Africa.
È difficile immaginare un’escalation radicale degli impegni economici americani verso il continente, anche se esistono opportunità intrinseche con il nascente African Continental Free Trade Agreement (AfCFTA) e i negoziati sul commercio in vista della scadenza dell’African Growth and Opportunity Act (AGOA) nel 2025.

L’Europa non sarà in concorrenza con la Cina in Africa, poiché l’Europa non ha mai dimostrato un reale interesse per la prosperità africana. Nel 2018, l’allora presidente dell’UE, Jean-Claude Juncker, ha descritto le relazioni dell’Europa con l’Africa come inadeguate.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha parlato di come l’attuale politica europea nei confronti dell’Africa sia dominata dalla migrazione. Un indicatore più potente della mancanza di interesse dell’Europa nei confronti dell’Africa è stata la cancellazione del vertice UE-Africa, presumibilmente a causa di Covid-19, anche se l’Unione africana non si è opposta allo svolgimento di un vertice virtuale.

La Cina è rimasta come attore principale

Questo lascerà la Cina come attore principale del continente tra gli attori più piccoli come la Turchia, l’India e gli Stati del Golfo. I media statali cinesi stanno già valutando la proposta di collegare l’AfCFTA alla China’s Belt and Road global infrastructure Initiative. Poiché la Cina si trova ad affrontare il pushback altrove, si aspettano che questa tendenza prenda slancio.

La Cina è già il principale fornitore bilaterale di finanziamenti per infrastrutture a doppio uso come i porti. La Cina ospita il maggior numero di studenti africani che studiano al di fuori del continente. La Cina è creditore di due terzi dei paesi ammissibili all’iniziativa di sospensione del servizio del debito del G20. La maggior parte dei paesi africani indebitati con la Cina negozierà in ultima analisi una sospensione dei pagamenti e un allungamento del periodo di rimborso del prestito – aumentando i loro legami con la Cina e preservando l’influenza cinese in quel paese.

Di fronte alla possibilità di far arrabbiare la Cina o l’Europa, gli Stati africani si schiereranno sempre più dalla parte della Cina. La Germania ha presentato una dichiarazione sui diritti umani nello Xinjiang e a Hong Kong, e 40 paesi hanno firmato. Ma nessuno di essi era africano. La Cina ha presentato una dichiarazione contro le violazioni dei diritti umani negli Stati Uniti a nome di 26 paesi – e otto erano africani. Gli Stati Uniti o non riconoscono questa tendenza o non sembrano disposti a rispondere se la recente dichiarazione del segretario di stato Pompeo sulle elezioni in Africa, che sembrava implicare che l’Africa sia un solo Paese, è un’indicazione.

Come può l’Africa salvaguardare il suo futuro?

Non è necessariamente un risultato ottimale per l’Africa. Nessun attore esterno è presente in Africa con motivazioni altruistiche e la Cina non è diversa. I rapporti della Cina con i suoi vicini e la risposta ai disaccordi con partner commerciali di lunga data come l’Australia sono indicativi di come la Cina reagisce quando le sue narrazioni vengono messe in discussione.
Un’Africa completamente dipendente dalla Cina è un’Africa esposta alle ritorsioni cinesi per gli inevitabili risultati dei nostri processi democratici che non sono in linea con la visione del mondo di Pechino.

Un rapporto dell’Australian Strategic Policy Institute traccia l’uso cinese della “diplomazia coercitiva” 152 volte in 27 Paesi e in Europa. La risposta della Cina a un direttore generale di una squadra dell’NBA che ha twittato il suo sostegno ai manifestanti di Hong Kong è stata quella di sospendere le trasmissioni di tutte le partite dell’NBA per un anno .

Se c’è mai stato un imperativo per un blocco commerciale unico, economicamente integrato e con 54 voti nei forum internazionali, che aumentasse la potenza dell’Africa e il suo potere negoziale, è sicuramente questo: il prossimo decennio di dominio cinese sul continente.

Gyude Moore è un visiting fellow del Center for Global Development. In precedenza è stato ministro dei lavori pubblici della Liberia

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 419 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Tanzania

Africa orientale: Il prossimo centro per l’abbigliamento?

Negli ultimi due anni, un certo numero di aziende europee tra di loro, H & M, Primark, e Tesco hanno iniziato ad approvvigionarsi  dei loro capi di abbigliamento dall’Etiopia. Il

Africa Orientale

Business in Africa con E4Impact Foundation

L’Africa è un continente in forte sviluppo, con una classe media in rapida crescita, rappresenta una grande opportunità per le piccole e medie imprese italiane. Lo ha capito bene la Fondazione E4Impact,

Africa Occidentale

Etiopia: studio di fattibilità per il collegamento ferroviario Etiopia-Sudan

Il Consiglio di amministrazione della Banca africana di sviluppo ha approvato una sovvenzione di 1,2 milioni di dollari al governo etiope per finanziare uno studio di fattibilità relativo a un