Africa, la fiorente Internet Economy ha bisogno di sviluppatori

Africa, la fiorente Internet Economy ha bisogno di sviluppatori

L’Africa è sulla buona strada per aggiungere 180 miliardi di dollari o il 5,2% del PIL aggregato entro il 2025 grazie alla rapida crescita della sua economia di internet, afferma un rapporto dell’IFC della Banca Mondiale e di Google. Nel 2012, l’economia internet del continente (iGDP) è stata stimata a soli 30 miliardi di dollari, pari all’1,1% del suo PIL.

Quest’anno l’iGDP contribuirà con 115 miliardi di dollari, ovvero il 4,5% di un PIL di 2,554 trilioni di dollari, afferma Accenture. Negli Stati Uniti l’economia di internet ha contribuito a circa il 9% del PIL nel 2018.

La chiave per la crescita dell’economia di internet – che comprende tutto, dalle banche e fintech all’agriturismo, all’e-health e al capitale di rischio – farà crescere il talento degli sviluppatori che costruiscono i prodotti e i motori su cui funziona. L’anno scorso, l’amministratore delegato di origine francese di Jumia, la società panafricana di e-commerce, ha suscitato indignazione negli ambienti tecnologici africani quando ha suggerito che non c’erano abbastanza sviluppatori con sede in Africa per soddisfare le esigenze della sua azienda.

Le donne rappresentano attualmente il 21% degli sviluppatori nei paesi africani, contro appena il 15% degli sviluppatori junior negli Stati Uniti.
Secondo il rapporto IFC/Google, ci sono quasi 700.000 sviluppatori professionisti in tutta l’Africa, con più della metà in cinque mercati africani: Egitto, Kenya, Marocco, Nigeria e Sudafrica. Questo numero è ancora relativamente piccolo rispetto agli 1,3 miliardi di abitanti dell’Africa – la sola California conta 630.000 sviluppatori, mentre l’America Latina ne conta 2,2 milioni.

Ma il talento degli sviluppatori africani è più giovane rispetto a quello delle economie più avanzate e i numeri complessivi del continente stanno crescendo più rapidamente. Solo un terzo di loro riceve la propria formazione attraverso le università, invece più della metà di loro sono autodidatti o pagano i programmi scolastici online, il che risponde al desiderio e all’ampia ambizione di acquisire competenze per l’occupazione e l’imprenditorialità futura in Paesi con pochi posti di lavoro formali esistenti, ma anche una carenza di competenze digitali.

È facile capire perché i giovani laureandi o neolaureati africani possano scegliere di essere autodidatti o pagare di tasca propria per ulteriori competenze. Il rapporto rileva, ad esempio, che i corsi di informatica nelle università keniote insegnano ancora prevalentemente il C++, “anche se Java e Scala sono i linguaggi di programmazione più richiesti sul mercato”.
Ad oggi gran parte del talento degli sviluppatori rientra nella categoria “junior developer”, che presenta le proprie sfide come Andela, con sede a Lagos ha trovato quando ha dovuto reclutare talenti più esperti per rifornire i clienti negli Stati Uniti e in altri mercati. Nei Paesi africani con una popolazione di sviluppatori più piccola e nascente, il 43% degli sviluppatori ha solo da uno a tre anni di esperienza, contro il 22% negli Stati Uniti”.

Secondo il rapporto, le classi di codifica stanno guidando la crescita della formazione per lo sviluppo di software. Le giovani aziende, tra cui Decagon (Nigeria), Gebeya (Etiopia) e Moringa School (Kenya) hanno ripreso da dove Andela ha lasciato per concentrarsi sulla formazione di giovani sviluppatori con esperienze di apprendimento flessibile e di bootcamp.

Google stessa ha lanciato un programma nel 2017 per formare fino a 100.000 sviluppatori in cinque anni per contribuire a colmare il deficit di competenze degli sviluppatori. L’anno scorso Microsoft ha dichiarato che spenderà oltre 100 milioni di dollari per un’iniziativa di centri di sviluppo software in Africa con i primi centri di sviluppo in Africa che apriranno a Lagos e Nairobi.

Oltre al pool di talenti in rapida crescita, un altro elemento positivo degno di nota è che si è verificata quella che il rapporto descrive come una “vera e propria trazione”, con l’aumento del numero di donne sviluppatrici nei mercati africani, guidate da Egitto, Marocco e Sudafrica.

Le donne rappresentano attualmente il 21% degli sviluppatori nei paesi africani, contro appena il 15% degli sviluppatori junior negli Stati Uniti.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 419 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

Tanzania, Banca Mondiale, la crescita economica della Tanzania scenderà al 2,5%

La crescita economica della Tanzania dovrebbe scendere al 2,5% nel 2020 dal 6,9% dello scorso anno, ha dichiarato la Banca Mondiale, sottolineando l’impatto della pandemia di coronavirus. “I divieti di

Africa Sub Sahariana

Africa: L’accordo Tripartite Free Trade Area (TFTA)

Due dei più grandi accordi commerciali regionali della storia sono stati concordati lo scorso anno. Il Trans-Pacific Partnership che coinvolge 12 paesi in Asia e nelle Americhe, e si e’

Tanzania

Africa Orientale, dove la realtà si scontra con l’ambizione

L’Africa orientale è stata benedetta, almeno negli ultimi dieci anni, con un livello di stabilità politica che raramente si trova nel continente africano. In mezzo a questo periodo di relativa