Il Rwanda recluta Tidjane Thiam per lanciare l’International Financial Center

Il Rwanda recluta Tidjane Thiam per lanciare l’International Financial Center

L’ex capo del Credit Suisse è stato appena nominato Presidente del Consiglio di Amministrazione di Rwanda Finance Limited, l’agenzia governativa responsabile dello sviluppo e della promozione del Kigali International Financial Centre (KIFC).

Dopo la sua frettolosa partenza dalla banca del Credit Suisse, Tidjane Thiam conferma la sua ambizione africana. Il banchiere franco-ivoriano è stato appena nominato dal governo ruandese a capo del consiglio di amministrazione di Rwanda Finance Limited.

La nomina, che arriva contemporaneamente ad altri sei membri, è stata firmata dal primo ministro ruandese Edouard Ngirente al termine di una riunione di gabinetto presieduta dal capo di Stato Paul Kagame mercoledì 11 novembre, a Village Urugwiro, sede della presidenza ruandese.

Dal 7 febbraio, quando ha rassegnato le dimissioni da amministratore delegato del gruppo bancario svizzero, Thiam è stato segnalato per la prima volta al consiglio di amministrazione della holding francese di lusso Kering, prima di farsi nuovamente un nome nel continente.

Due mesi dopo si è impegnato nella risposta economica alla crisi causata dalla pandemia COVID-19, entrando a far parte della task force dell’Unione Africana – insieme a Ngozi Okonjo-Iweala, Trevor Manuel e Donald Kaberuka – incaricata di trovare una soluzione coordinata e continentale alla crisi sanitaria. In questa occasione ha presieduto un gruppo di lavoro sulla lotta contro COVID-19 con il presidente ruandese il 5 giugno.

Poi ha fatto un ritorno, prima non ufficiale, poi più chiaramente in politica in Costa d’Avorio, più di 20 anni dopo aver lasciato il Paese dove era ministro della pianificazione e dello sviluppo ed ha scelto ufficialmente le fila dell’opposizione nella corsa presidenziale ivoriana, vinta il 3 novembre da Alassane Ouattara in un terzo mandato. Promozione del settore finanziario

Un ritorno agli affari, quindi, per quello che alcuni considerano un prodigio finanziario africano. Il banchiere a cui si attribuisce la svolta e la ristrutturazione della seconda maggiore banca svizzera, nonché il precedente sviluppo dell’assicuratore britannico Prudential.

Tidjane Thiam si sottrae ancora una volta ai tormenti della politica ivoriana. E per integrare, a differenza del continente, una struttura pubblica di recente creazione. La Rwanda Finance Limited è la controparte del Rwanda Development Board (RDB) – l’agenzia pubblica incaricata di attirare gli investimenti stranieri nel Paese – e ha il mandato di sviluppare il Kigali International Financial Centre (KIFC). Il KIFC è un centro finanziario di livello mondiale progettato per promuovere gli investimenti stranieri e la creazione di posti di lavoro altamente qualificati nel campo della finanza a beneficio del Ruanda e del continente africano.

Con Thiam, si noti la presenza nel consiglio di amministrazione dell’agenzia governativa guidata da Nick Barigye, l’ex capo dello staff di Ali Bongo Ondimba, Lebanon Soleman, nominato lo scorso maggio nel consiglio di amministrazione del Rwanda Development Board.

Sono stati inoltre nominati Diko Jacob Mukete, camerunense Diko Jacob Mukete, ex rappresentante della Banca africana di sviluppo (ADB) in Ruanda; Louise Kanyonga, responsabile della strategia e della conformità presso la RDB; la commercialista Alice Ntamitondero; Umulinga Karangwa, fondatrice di Africa Nziza Investment Advisory e Julien Kavaruganda, fondatore dello studio legale commerciale K-Solutions & Partners.

Il Ruanda ha un’economia stabile e resistente con un tasso di crescita medio decennale dell’8,6%. È stato anche classificato al primo posto in Africa per la trasparenza del suo governo secondo il rapporto di Transparency International del 2019.

Negli ultimi anni, il Paese è noto per i suoi sforzi di attrarre capitali stranieri. Intende fornire un ambiente commerciale ottimale attraverso la Vision 2035 e 2050 del Governo del Ruanda.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 453 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Sub Sahariana

La crescita in Africa, una storia ipervenduta?

Solo un anno fa, l’Africa è stata pubblicizzata come il prossimo El Dorado per gli  investimenti. Due decenni di crescita record, una popolazione in rapida urbanizzazione di 1,1 miliardi, l’aumento

Kenya

Africa – Le 5 app che stanno cambiando l’Africa

Il continente Africano sta beneficiando della tecnologia, portando innovazione e beneficio dove fino pochi anni fa si riteneva impensabile. Questo dimostra ancora una volta che vi sono ampi margini per

Ethiopia

Apre in Etiopia la prima metro dell’Africa sub-sahariana

Addis Abeba, una città di oltre 4 milioni di persone, dove il modo più tradizionale per spostarsi è in mini pulmini, un incrocio tra un autobus e un taxi, che