Nigeria: il grande successo dei bond islamici

Nigeria: il grande successo dei bond islamici

Gli investitori si affrettano ad acquistare le obbligazioni islamiche della Nigeria, sfidano le critiche religiose e offrono 2 mdi di dollari.

Il terzo bond Sukuk della Nigeria ha raggiunto i 2,1 miliardi di dollari, una sovra sottoscrizione dei 533 milioni di dollari offerti agli investitori, nonostante il documento abbia suscitato polemiche religiose.
L’eccesso di sottoscrizione del 446 per cento potrebbe riflettere le alte prospettive che i bond islamici presentano per il Paese più popoloso dell’Africa.

Il titolo sovrano Sukukuk è destinato a finanziare 44 progetti stradali critici nelle sei zone geopolitiche della Nigeria. Il suo lancio all’inizio di quest’anno ha attirato diversi investitori, tra cui fondi etici, compagnie di assicurazione, gestori di fondi e investitori al dettaglio.

Ma è stato presentato con propositi religiosi. I sukukuk sono diversi tipi di obbligazioni che non generano interessi, cosa non consentita dalla legge islamica. Al contrario, presentano certificati finanziari agli investitori che investono il denaro per diventare proprietari di alcuni beni. Il governo, in questo caso l’emittente, promette poi di riacquistare i beni in un secondo momento sulla base di un valore concordato.

In Nigeria, l’accordo ha provocato gruppi cristiani che sostengono che si tratta di uno strumento finanziario islamico per raccogliere fondi per ” islamizzare” il paese.

L’Associazione cristiana della Nigeria (CAN), un organismo che riunisce tutte le confessioni, ha affermato che la Nigeria vuole trasformarsi in uno Stato islamico.

Il segretario generale della CAN, il reverendo Musa Asake, ha chiesto l’abrogazione della struttura alla base del bond e ha minacciato di chiedere un risarcimento legale se ciò non fosse stato fatto.

“È deludente notare che il governo sta perseguendo quella che è una vera e propria conferma dell’agenda dell’islamizzazione”.
Il rilascio di Sukukuk non è solo sezionale, ma anche illegale e costituisce una violazione della costituzione, ha sostenuto.

I 200 milioni di nigeriani sono divisi tra le due maggiori religioni del mondo.

Il governo federale dice di essere ricorso a Sukukuk per finanziare la costruzione e lo sviluppo di importanti progetti di infrastrutture economiche e per diversificare le fonti di finanziamento. Sukukuk dice di offrire agli investitori etici l’opportunità di investire in titoli emessi dal governo e di raggiungere un più alto livello di inclusione finanziaria.
Considera il Sukukuk il modo più conveniente per colmare i deficit finanziari e affrontare le sfide infrastrutturali della nazione che ha compiuto 60 anni il 1° ottobre.

Le prime obbligazioni Sukukuk in Nigeria sono state emesse dallo Stato di Osun nella Nigeria sud-occidentale nel 2013. Ha realizzato 45,9 milioni di dollari attraverso 42 investitori della Nigeria Stock Exchange per finanziare progetti.

Il successo dell’emissione inaugurale ha attirato il governo federale, che è stato costretto a rinunciare al suo primo titolo Sukukuk, che ha raggiunto i 325 milioni di dollari nel 2017.

L’obbligazione, che scadrà nel 2025, è stata utilizzata per finanziare 25 progetti stradali nel Sud Est, Sud Sud Sud, Sud Ovest, Nord Ovest, Nord Centro e Nord Est.

La seconda emissione di altri 327 milioni di dollari da parte del governo federale è stata effettuata nel dicembre 2018.
Il reverendo Samson Ayokunle, presidente della CAN, ha detto: “La nostra preoccupazione come organismo è che la Nigeria ha iniziato ad essere attiva nelle alleanze e nelle organizzazioni internazionali islamiche in totale violazione della costituzione”.

Ma la preoccupazione per i diritti dei musulmani e il Consiglio supremo per gli affari islamici della Nigeria, hanno accusato la CAN di giocare con i sentimenti.

Hanno spiegato che “Sukuk” è solo per scopi commerciali”.

L’agenda islamica

Il vicepresidente della Nigeria Yemi Osinbajo, uno dei pastori della Chiesa cristiana redentrice, ha negato l’agenda dell’islamizzazione, dicendo: “Concentriamo la nostra mente su qualcosa che chiamiamo l’agenda islamica. Lo cerchiamo ovunque come se cercassimo i demoni”.

Il Sukuk, ha detto, era essenzialmente come un bond. Gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Cina, il Sudafrica hanno tutti usato il Sukuk.

Il dottor Mamoud Kamara, capo regionale della Islamic Development Bank in Nigeria, ha detto il 16 settembre, in un incontro strategico con il presidente della Nidcom, Abike Dabiri-Erewa.

Il dottor Kamara ha detto che il Sukuk, che coinvolgerà la Banca Mondiale e la Banca Africana di Sviluppo, aiuterà ad alleviare le sofferenze dei nigeriani, in particolare di coloro che hanno perso i loro mezzi di sussistenza e stanno lottando per la sopravvivenza.

Il presidente del Chartered Institute of Stockbrokers, Olatunde Amolegbe, ha esortato i nigeriani a sostenere il governo sottoscrivendo il Sukukuk, descrivendo lo strumento come uno strumento redditizio.

Ha esortato il pubblico ad associarsi per sfruttare il Sukukuk per aumentare il loro flusso di cassa e assistere gli sforzi del governo per investire in infrastrutture.

“Sukukuk Ijarah è un titolo a reddito fisso sostenuto dal governo federale e come investimento senza rischi, poiché il rimborso degli investitori è garantito dalla piena fiducia e dal credito del governo federale della Nigeria”, ha spiegato.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 465 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

Kenia – Primo BOT sottoscrivibile via cellulare

Il tesoro lancerà il prossimo 16 ottobre un’asta per nuovo titolo di stato che potrà essere sottoscritto via cellulare. La prima emissione avrà un valore di 5 miliardi di scellini,

Africa Sub Sahariana

Nel 2021 i paesi africani rimarranno i migliori amici della Cina

Ogni tre anni politici africani e cinesi si riuniscono in un raduno diplomatico noto come Forum sulla cooperazione Cina-Africa (FOCAC). Il vertice, che attrae più capi di Stato africani che

Africa Orientale

Tanzania, migliorare la qualità delle pelli per l’export

Per migliorare la qualità delle pelli in Tanzania, ai pastori è stato consigliato di adottare razze migliori per soddisfare gli standard richiesti sul mercato internazionale. Il consiglio è stato emesso