Tanzania: Il settore del LNG alla ricerca di un compromesso

Tanzania: Il settore del LNG alla ricerca di un compromesso

I ritardi nei colloqui sulla prevista struttura di esportazione di LNG della Tanzania mettono a rischio il futuro del progetto.

Le società petrolifere internazionali (CIO) che si occupano di grandi riserve di gas al largo della Tanzania si dichiarano desiderose di riprendere i colloqui sullo sviluppo di progetti di esportazione di gas naturale liquefatto (GNL), basati su grandi riserve nel sud del paese, che attualmente si sono interrotti.

Ma, anche se le trattative riprenderanno presto, il paese dovrà ancora affrontare una sfida per avviare le esportazioni entro il prossimo decennio, dato che il mercato globale del GNL è sempre più competitivo.

I negoziati sono stati sospesi dal governo a metà del 2019 per consentire una revisione del quadro dell’accordo di condivisione della produzione ( PSA) della Tanzania, il cui esito deve ancora essere annunciato.

Le riserve di gas recuperabili complessive della Tanzania sono stimate a più di 57tn ft³. Queste si trovano principalmente nella porzione di bacino offshore di Rovuma che il Paese condivide con il vicino Mozambico meridionale, dove sono già in fase di sviluppo tre progetti di LNG che utilizzano riserve complessive di gas che si stima siano più di tre volte superiori a quelle della Tanzania.

La norvegese Equinor, in qualità di operatore, e il partner ExxonMobil sono titolari della licenza per il blocco 2 della Tanzania, che potrebbe contenere più di 20tn ft³ di gas. Shell gestisce i Blocchi 1 e 4 in partnership con Ophir Energy, società indipendente britannica ora di proprietà indonesiana Medco, e la Pavilion Energy di Singapore. Questi due blocchi hanno riserve stimate di circa 16tn ft³ di gas recuperabile.

L’ambizioso obiettivo di iniziare i lavori entro due anni sembra sempre più un sogno irrealizzabile

I due gruppi sono stati in colloqui di sviluppo separati con il governo del presidente John Magufuli per diversi anni, anche se il risultato più probabile potrebbe essere, almeno in prima istanza, la collaborazione su un singolo impianto. Ma un accordo del governo ospitante (HGA) necessario per portare avanti qualsiasi sviluppo si è rivelato elusivo.

I disaccordi sui termini hanno ostacolato i progressi. Magufuli continua a voler massimizzare le entrate del governo e il prelievo interno, mentre le IOC hanno cercato di ottenere condizioni per rendere il LNG tanzaniano più competitivo con le forniture rivali e per mettere le finanze del progetto su una base stabile.

La ripresa dei colloqui

L’ambizioso obiettivo del governo di iniziare il lavoro sul progetto entro due anni e di avere la produzione di GNL ben prima della fine del decennio sembra sempre più un sogno irrealizzabile.

E la revisione del PSA non è solo un ostacolo alla ripresa dei colloqui e allo sblocco dei progressi sui progetti di LNG, ma crea anche ulteriore incertezza sui termini degli investimenti futuri nel settore dell’E&P offshore tanzaniano.

Tuttavia, le IOC stanno ancora dando segnali positivi, pur sottolineando la necessità di condizioni che rendano un impianto per l’esportazione un investimento vantaggioso. “Shell continua a impegnarsi con il governo tanzaniano per far progredire il progetto LNG della Tanzania.

I negoziati HGA con il governo sono stati sospesi nell’agosto 2019 per consentire loro di finalizzare il processo di revisione del PSA. Non vediamo l’ora di riprendere le trattative, che sono vitali per garantire adeguate basi commerciali e legali per un impianto di LNG competitivo a livello globale”, ha dichiarato la major.

Equinor sottolinea che è nell’interesse reciproco sia della Tanzania che delle società del suo gruppo che le risorse di gas siano sviluppate, ma avverte che la FID richiederà probabilmente un certo tempo per raggiungere questo obiettivo. “La nostra priorità è realizzare un quadro finanziario attraverso l’HGA.

Una volta che l’HGA sarà operativo, ci vorranno diversi anni per far maturare il progetto fino alla decisione finale di investimento, seguita dall’inizio dei lavori di costruzione”, afferma l’azienda norvegese.

Un mercato competitivo

Ogni mese che passa senza un accordo, la logica di un inizio delle esportazioni di LNG prima del 2030 si indebolisce dal punto di vista delle IOC, secondo gli osservatori del mercato del GNL. Il salto dell’offerta globale di GNL da 325 milioni di t/anno nel 2018 a 390 milioni di t/anno, secondo i dati della società di consulenza Wood Mackenzie, mentre la crescita della domanda stenta e i prezzi scendono, è uno dei segnali evidenti dei rischi di un mercato ampiamente rifornitivo.

E mentre si prevede che nel 2020 la domanda di gas crescerà in modo sostenuto, lo sviluppo dell’offerta è già in crescita. Il Qatar ha in programma di aumentare la produzione di LNG da 77 milioni di t/anno a circa 110 milioni di t/anno entro il 2024.

In Mozambico, il FID per il progetto LNG da 15,2 milioni di t/anno della ExxonMobil a Rovuma è previsto a breve, mentre il vicino progetto LNG del Mozambico da 12,9 milioni di t/anno della Total e il progetto Coral South FLNG dell’Iitaliana Eni da 3,4 milioni di t/anno sono già stati approvati.

Anche una “seconda ondata” di gas naturale liquefatto del Golfo del Messico, a metà decennio, è in fase di completamento o si sta avvicinando rapidamente alla fase di Final Investment Decision

Sia il Qatar che il Mozambico sono ben posizionati per servire l’India e altri mercati del sud e sud-est asiatico che potrebbero essere la sede naturale per qualsiasi futuro GNL tanzaniano – le cui esportazioni dovrebbero vendere a più di $9/mn di Btu per essere in pareggio con gli attuali accordi fiscali, secondo Wood Mackenzie.

Al contrario, vede l’offerta dei due grandi impianti onshore del Mozambico raggiungere il pareggio a meno di 7 $/milioni di Btu con maggiori economie di scala, condizioni più favorevoli per le IOC e una maggiore vicinanza delle riserve che alimentano i progetti, consentendo ai due sviluppi di condividere le infrastrutture. Grazie ai volumi, il LNG del Qatar supera qualsiasi altro progetto a livello globale.

Al di fuori del Qatar, qualsiasi progetto di liquefazione dell’Africa orientale, degli Stati Uniti o di altro tipo per un inizio a metà degli anni 2020 ” punterà ancora una volta a raggiungere il breakevens al di sotto o intorno ai $7-$8/milioni di BTU”, dice Liam Kelleher, un analista di mercato del LNG di Wood Mackenzie. “Quindi, se stimo un lasso di tempo in cui avrebbe senso approvare il progetto della Tanzania, dato il suo attuale prezzo di pareggio, si parla davvero di fine 2020 o addirittura del 2030”.

Altre opportunita’.

Le principali IOC in Tanzania non sono a corto di progetti alternativi di LNG in cui destinare investimenti e competenze. Shell ed ExxonMobil sono entrambe in corsa per lo sviluppo di nuovi treni per il Qatar ed hanno in programma anche importanti progetti nordamericani.

In Mozambico, il secondo progetto di Rovuma LNG potrebbe costare circa 30 miliardi di dollari, mentre il primo ha firmato un contratto di 13 anni per l’acquisto di 2 milioni di t/anno da Mozambico LNG.

Equinor ha un’impronta globale di LNG molto più piccola rispetto alle due major e vuole espandere la sua produzione oltre la Norvegia. Ma è difficile immaginare che l’azienda vada avanti da sola nello sviluppo di un progetto di LNG tanzaniano senza il supporto di un altro grande attore, dice Kelleher.

Anche i partner minori potrebbero non dare priorità alla Tanzania. Il progetto Ophir di Medco è stato visto dagli analisti come interessante a causa delle proprietà della società indipendente britannica nel sud-est asiatico, non per le sue riserve dell’Africa orientale. E l’acquisto da parte di Pavilion, nel giugno 2019, del portafoglio di Iberdrola (circa 4 milioni di tonnellate all’anno di contratti di vendita e fornitura), è destinato a essere,nel beve periodo, il suo pensiero principale nel settore del GNL.

Rischo dell’investimento

Il desiderio molto trasparente del Presidente Magufuli di aumentare le entrate statali provenienti da progetti di risorse aumenta anche i fattori di rischio politico e di investimento.

Nel gennaio 2020 è stato risolto il problema di una lunga serie di miniere d’oro – che aveva bloccato le esportazioni di concentrati – quando la Barrick Gold canadese ha accettato di rivedere le condizioni più favorevoli al governo per le sue operazioni. Queste comprendevano un pagamento di 300 milioni di dollari al governo per regolare le tasse e altre controversie, nonché la creazione di una nuova joint venture per la gestione delle sue miniere, in cui il governo ha una partecipazione azionaria pari al 16 percento.

Anche se questo può essere descritto come una vittoria per il governo, che cerca di trasformare la Tanzania da una delle più piccole economie del mondo in un paese a medio reddito, la possibilità di futuri cambiamenti nei termini del settore del gas farà riflettere le IOC.

Nell’ambito della sua spinta alla crescita economica, la Tanzania ha anche in programma di potenziare la sua rete nazionale di gasdotti, che alimenta principalmente centrali elettriche e impianti industriali.

Questa domanda interna, che nel 2018 sarà pari a 59 miliardi di piedi cubi, o meno di 4,6 milioni di metri cubi al giorno in base alle indicazioni del governo, è alimentata principalmente da una limitata produzione di gas vicino alla terraferma nel sud dell’isola di Songo Songo e nella baia di Mnazi.

I mandati del governo a fornire più gas a livello nazionale, con una redditività molto più bassa, difficilmente miglioreranno l’economia generale. Ma i volumi in questione, data la bassa base di partenza, probabilmente non significheranno un elemento chiave nella valutazione del progetto.

Se, tuttavia, l’amministrazione tanzaniana vuole un approvvigionamento domestico in grado di potenzialemnte trasformare l’economia nazionale, entro il prossimo decennio, potrebbe dover riconoscere concessioni e condizioni che aumenteranno la redditivita dei progetti, facilitando l’esportazione di GNL e quindi qualsiasi sviluppo su larga scala delle riserve.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 453 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

E-commerce in Africa, il caso MallForAfrica

MallforAfrica è un servizio online che consente ai clienti in Africa di accedere all’ecommerce mondiale, ed avere i prodotti consegnati a casa. Molti negozi on line Americani ed Europei non spediscono

Africa Orientale

Il Ruanda aumenta del 400% la vendite di caffè in Cina grazia all’online

Durante il suo discorso annuale della nazione, il presidente ruandese Paul Kagame ha sottolineato la forte produzione economica del Paese, producendo semi a livello locale ha efficacemente colmato il divario

Economia

Africa, il miracolo della crescita dell’Agricoltura

La rivoluzione verde del dopoguerra che ha trasformato l’Asia sembrava aver bypassato l’Africa. Ma tra il 2000 e il 2014 la produzione di grano è triplicata in paesi come l’Etiopia,