L’Uganda procede con la costruzione di 2700 Km di ferrovia

L’Uganda procede con la costruzione di 2700 Km di ferrovia

L’Uganda costruirà la sua ferrovia a scartamento standard anche se il Kenya non riuscirà ad estendere la sua linea fino a Malaba, hanno dichiarato i dirigenti. La costruzione della SGR, a lungo ritardata, inizierà nell’ anno fiscale 2022/2023, anche se il collegamento con il Kenya rimane un punto critico.

La SGR, lunga 271 chilometri, faceva parte del progetto del Corridoio settentrionale che collegava il Kenya, l’Uganda e il Ruanda, ma si è arenata in un momento di incertezza politica e finanziaria. Nel complesso, l’Uganda sta ora cercando di costruire 2.700 km di SGR con collegamenti con i suoi vicini settentrionali, orientali, meridionali e occidentali.

Perez Wamburu, il coordinatore del progetto SGR, ha detto che le prospettive di chiudere un accordo di finanziamento con la China Exim Bank nei prossimi mesi sono alte.

Egli ha parlato durante un recente briefing di fine anno con i media ugandesi.

Una delle principali questioni in sospeso è il collegamento con il Kenya, che è stato messo in dubbio dopo che Nairobi ha messo in pausa lo sviluppo della SGR a Naivasha, optando invece per il rinnovo del vecchio scartamento di un metro, vecchio di un secolo, a Kisumu, dove sta costruendo un centro di trasbordo merci su rotaia. La seconda domanda riguarda il piano operativo della rete e, infine, il piano di rimborso del prestito.

“Penso che abbiamo risposto a tutte queste domande in modo soddisfacente e che i colloqui conclusivi dovrebbero iniziare subito dopo le elezioni del 2021.

La fattibilità della linea in diversi scenari rimane positiva e una società cinese gestirà la rete per la durata del periodo di rimborso del prestito prima di consegnare i beni all’Uganda”, ha detto Wamburu.

Uno degli scenari che l’Uganda ha considerato è la fattibilità della linea senza un’interfaccia diretta con il sistema keniota, con il cargo che sarà invece traghettato sull’acqua verso una struttura da sviluppare a Majanji sul lago Vittoria.

Questo permetterebbe di spedire il carico dal Sud Sudan e dalla Rd Congo nordorientale a Mombasa attraverso Kisumu o verso Dar es Salaam attraverso Mwanza. Un altro scenario vede il Kenya portare la sua linea fino a Malaba, mentre l’altro è una linea sospesa che va da Kampala a Malaba.

Wamburu ha detto che un’interfaccia diretta con la SGR keniota sarebbe l’opzione migliore, ma la linea avrebbe comunque un tasso di ritorno positivo in tutti gli scenari, anche se con margini variabili.
Il progetto è a questo punto anche neutro dal punto di vista del debito, perché la spesa per il contratto di 2,26 miliardi di dollari per la prima fase è già contabilizzata nello stato patrimoniale di 15,5 miliardi di dollari di debito nazionale.

La decisione di procedere con la costruzione si basa sul presupposto che entro la fine del periodo di costruzione previsto, il Kenya avrebbe risolto tutti i problemi che ostacolano l’estensione della sua SGR a Malaba.
Le attività di precostruzione continuano e almeno 120 km del corridoio di 271 km sono stati messi in sicurezza, con 4.800 persone coinvolte nel progetto finora hanno ricevuto i pagamenti.

“Ci riuniremo con il Kenya e la Cina Exim per chiarire le questioni dell’interconnessione, ma tutti sono ancora determinati a portare avanti questo progetto”, ha detto Wamburu.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 517 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Kenya

Africa orientale: Crescono gli investitori stranieri

Gli investimenti diretti esteri, IDE, in Africa orientale è cresciuto lo scorso anno, nonostante un calo complessivo in tutta l’Africa da $ 87 miliardi a $ il 66,5 miliardi di

Tanzania

Tanzania: Le condizioni del mercato limitano il settore del gas naturale

Tanzania finalmente approvato una legge di petrolio 5 luglio che disciplina il settore degli idrocarburi in crescita del Paese, il primo grande progetto di legge nel suo genere in quanto

Politica

La legge prima di tutto

In Africa, uno delle maggiori preoccupazioni per un investitore internazionale, e’ rappresentato dal rispetto della legge, e dalla capacita’ che avrà un investitore ad avere le proprie ragioni rispettate e