Quale sarà il prossimo passo per il GNL della Tanzania

Quale sarà il prossimo passo per il GNL della Tanzania

La compagnia norvegese di petrolio e gas Equinor ha deciso di ridurre il valore di bilancio annuale del suo progetto di gas naturale liquefatto (LNG) in Tanzania, che in questo momento non è competitivo nel suo portafoglio globale, secondo l’azienda.

La mossa è stata rivelata venerdì, dove Equinor ha dichiarato ulteriormente che il progetto ha un prezzo di pareggio previsto ben al di sopra della media del portafoglio della società.

Il governo, tuttavia, ha dichiarato che non era a conoscenza della decisione raggiunta da Equinor perché l’informazione doveva ancora essere comunicata ufficialmente.

Il portavoce di Equinor ASA per l’International Upstream, Erik Haaland, ha detto a The Citizen che mentre negli ultimi anni sono stati fatti progressi sul quadro commerciale di TLNG, l’economia generale del progetto non era ancora migliorata abbastanza da giustificare il suo mantenimento in bilancio.

“Abbiamo annunciato oggi una svalutazione del valore del nostro progetto tanzaniano”, ha detto. Secondo lui, prima che possano progredire ulteriormente nel progetto, hanno bisogno di ottenere un quadro commerciale, fiscale e legale che dimostri un business case fattibile. Continueremo a impegnarci con il governo con l’obiettivo di riprendere i negoziati che sono stati sospesi dal 2019. Se riusciamo a renderlo economicamente fattibile, invertiremo la svalutazione”, ha detto.

Contattato sulla questione, il direttore James Mataragio della Tanzania Petroleum Development Corporation (TPDC) ha detto di non essere a conoscenza della decisione.

“Loro [Equinor] sono i nostri partner, devo ancora ricevere una comunicazione ufficiale sulla questione e, quindi, non posso commentare nulla al momento”, ha detto il dottor Mataragio.

Tuttavia, l’analista economico Donath Olomi del CEO Institute of Management and Entrepreneurship Development (IMED) ha avuto questo da dire sulla questione: “Equinor ha deciso di ridurre il valore di bilancio annuale dei blocchi a causa di una serie di fattori tra cui i prezzi globali del gas in calo”.

Ha detto che l’altro fattore potrebbe essere che l’ambiente del paese per gli investimenti è cambiato, compreso il cambiamento negli accordi di condivisione della produzione (PSA).

“Le leggi sono cambiate e così anche gli investimenti. Su una scala più ampia, potrebbe essere difficile ottenere profitti a causa dell’attuale tendenza globale in cui i prezzi sono scesi a causa della Covid-19”, ha aggiunto il dottor Olomi. Da parte sua, il Revenue Watch Institute, senior regional associate (Africa) Silas Olang ha detto che Equinor stava guardando la tendenza dei prezzi nei prossimi 10-30 anni che indicava una picchiata.

“Con l’attuale tendenza dei prezzi, sentono che i costi di produzione sono alti e potrebbero quindi non ottenere profitti nello sforzo”, ha detto.
La decisione di Equinor arriva in un momento in cui i negoziati dell’Host Government Agreement (HGA) tra il governo e le compagnie internazionali di petrolio e gas (IOC) sul GNL sono in stallo dal 2019. Nell’aprile 2020, il governo ha detto di aver completato la revisione dei contratti per il settore estrattivo, compresi i Production Sharing Agreements (PSA), per le compagnie petrolifere e del gas e i Mineral Development Agreements (MDA’s), per il settore minerario, iniziata nel lontano 2018.

Il procuratore generale (AG) Adelardus Kilangi ha detto a The Citizen che il processo di revisione dei contratti è stato completato nel gennaio 2020 e i risultati sono stati consegnati al primo ministro Kassim Majaliwa per ulteriori decisioni.

“Abbiamo iniziato il processo nel 2018 dopo che una commissione nominata dal presidente del Parlamento Job Ndugai ha chiesto di rivedere i contratti per garantire che consentano a entrambe le parti, tra cui il governo per conto del pubblico e le società multinazionali, di trarne beneficio”, ha spiegato.

Il governo e gli sviluppatori del progetto avrebbero dovuto inizialmente concludere i negoziati nel settembre 2019, una decisione chiave che potrebbe aprire la strada alla decisione finale di investimento da prendere.
Nel frattempo, secondo i rapporti, Equinor ha deciso di svalutare il valore contabile del suo progetto Tanzania LNG (TLNG) nel bilancio della società di 982 milioni di dollari.

Secondo il Capital Markets Update dello scorso febbraio, i progetti di petrolio e gas di Equinor con avvio previsto entro il 2026 hanno un breakeven medio inferiore a $35/bbl in base alle stime attuali. Simile per i progetti di petrolio e gas non sanzionati con avvio previsto entro questo decennio, il breakeven medio è sotto i 40 dollari al barile.

L’azienda norvegese di petrolio e gas è presente in Tanzania dal 2007, quando ha firmato un accordo di condivisione della produzione (PSA) con la Tanzania Petroleum Development Corporation (TPDC).

Equinor è l’operatore con una quota di partecipazione del 65%, insieme alla quota di lavoro della ExxonMobil del 35%, mentre la TPDC ha il diritto di partecipare con una quota del 10%.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 465 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Tanzania

Nairobi, Dar Es Salaam e le promesse del settore retail

Kenya e Tanzania sono tra 10 paesi con il più alto potenziale di crescita per le vendite al dettaglio in Africa sub-sahariana, ma la mancanza di materie prime per l’industria manifatturiera

Uganda

Airtel Money Africa, Q1 transazioni per 3.3 Miliardi di USD

L’operatore di mobile money Airtel Money’s ha chiuso il primo quadrimestre con transazioni per 3.3 miliardi di dollar, con una crescita del 72% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ed

Energia

Mozambico, la sudafricana Sasol inizia le trivellazioni nel nuovo giacimento

La Sudafricana Sasol ha ricevuto il via libera dal governo del Mozambico per sviluppare altri giacimenti di petrolio di gas nello stato africano, la società ha dichiarato Lunedi, senza rivelare quanto il