Etiopia: GERD, il riempimento unilaterale di luglio minaccia la sicurezza del Sudan

Etiopia: GERD, il riempimento unilaterale di luglio minaccia la sicurezza del Sudan

Dopo una prima fase di riempimento della diga nel luglio 2020 senza ottenere un accordo, l’Etiopia si prepara con ogni probabilità a continuare il processo il prossimo luglio, quando si verificherà la prossima inondazione. Una possibilità che preoccupa il Sudan.

Qualsiasi mossa unilaterale dell’Etiopia per riempire la Grande Diga del Rinascimento a luglio potrebbe minacciare direttamente la sicurezza nazionale del Sudan. Questo è ciò che il ministro sudanese dell’irrigazione e delle risorse idriche Yasser Abbas ha detto alla Reuters.

La costruzione di questa diga da 6.450 MW è fonte di tensione tra i due paesi, ma anche con l’Egitto, che dipende dal fiume per il suo approvvigionamento idrico e si trova a valle della diga.

Dopo anni di tensioni regionali e negoziati senza successo, l’Etiopia ha iniziato unilateralmente a riempire le infrastrutture lo scorso luglio, durante la stagione delle piogge. Si prevede che riprenderà l’operazione durante la prossima stagione.

I negoziati si sono concentrati a lungo sul suo impatto sul corso del fiume, poi sulle sue specificità tecniche, e ora i negoziati riguardano il processo di riempimento e il funzionamento della centrale. Non hanno avuto più successo.

Secondo il ministro sudanese, un secondo riempimento a luglio metterebbe in pericolo le stazioni di acqua potabile del paese. “Il Sudan è attualmente impegnato in una campagna diplomatica e politica per chiarire la sua posizione e raggiungere una soluzione legale e vincolante. Siamo ottimisti che una soluzione sarà trovata se c’è la volontà politica”, ha detto Abbas. Il Sudan chiede la mediazione degli Stati Uniti, dell’Unione Europea, delle Nazioni Unite e dell’Unione Africana.

Tuttavia, dato che tutti questi soggetti sono più o meno già intervenuti nella situazione, è improbabile che ottengano un risultato. Inoltre, come ama sottolineare l’Etiopia, che ha posizionato le sue forze armate intorno alla diga e ne vieta il sorvolo, la realizzazione di questo progetto sul suo territorio e con i suoi propri finanziamenti è una questione di sovranità nazionale.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 495 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Mozambico

Mozambico, il gas potrebbe trasformare l’economia del paese

A circa 30 minuti dal traghetto che porta i autisti al resort di lusso sull’isola di Bazaruto, Sasol Ltd è sta aumentando la produzione del combustibile che potrebbe trasformare la

Uganda

Uganda, Tanzania allo studio nuovo oleodotto

Uganda e Tanzania hanno firmato un accordo per esplorare la possibilità di costruire un oleodotto tra i due paesi. Il presidente ugandese aveva indicato in agosto che un percorso attraverso

Sudan

Ethiopia, Egitto e il GERD

Per migliaia di anni il fiume Nilo e l’Egitto sono stati connessi intrinsecamente nella storia più che nella geografia. La civiltà dell’antico Egitto doveva la sua sopravvivenza alle inondazioni annuali