Sudafrica: Engie acquisisce il 40% della centrale solare Xina Solar One (100 MW)

Sudafrica: Engie acquisisce il 40% della centrale solare Xina Solar One (100 MW)

Dalla ripresa ufficiale del programma nazionale per la costruzione di impianti di energia rinnovabile da parte di produttori indipendenti, gli annunci di transazioni e investimenti sono aumentati. Dopo Magnora, è il turno di Engie che annuncia un’acquisizione.

L’azienda energetica francese Engie ha appena fatto un altro passo avanti nella sua strategia a basse emissioni di carbonio. Ha acquisito una partecipazione del 40% nella centrale solare Xina Solar One in Sudafrica. La transazione include anche una partecipazione del 46% nella società incaricata di gestire e mantenere l’infrastruttura da 100 MW.

“Con l’acquisizione di questo progetto, Engie continua a perseguire la sua strategia a basse emissioni di carbonio. Xina aumenta la capacità energetica disponibile del paese riducendo la sua dipendenza dal carbone. L’impianto solare a concentrazione da 100 MW contribuisce anche allo sviluppo dell’azienda aumentando la sua presenza in Sudafrica, dove è uno dei produttori indipendenti di energia con un portafoglio di 1.320 MW di capacità installata”, ha dichiarato Sebastien Arbola, direttore esecutivo di ENGIE MESCATA.

L’impianto ha un sistema di stoccaggio a sale fuso che gli permette di produrre elettricità per 5,5 ore dopo il tramonto. Fornisce abbastanza energia per rifornire 95.000 famiglie sudafricane e vende la sua produzione a Eskom sotto un accordo di acquisto di energia di 20 anni.

L’acquisizione di queste azioni fa parte della politica di Engie di ampliare la sua portata geografica, che spera di avere un maggiore impatto sui principali mercati mondiali delle energie rinnovabili. L’azienda è particolarmente interessata ai mercati che si stanno sviluppando o che hanno un alto potenziale con prospettive di crescita significative e quadri normativi stabili.

Su quest’ultimo aspetto, il Sudafrica ha recentemente fatto uno sforzo per riabilitare il suo programma di energie rinnovabili, sbloccando così molte transazioni che erano state precedentemente messe in attesa.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 491 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Uganda

Kenia, la incerta strada verso la produzione di petrolio

La confusione continua a caratterizzare il percorso del Kenya verso la produzione di petrolio, con le date di inizio della produzione che continua a cambiare. Dal dicembre dello scorso anno, il

Ethiopia

Diga del Rinascimento: riprendono i negoziati tra Egitto, Etiopia e Sudan

Dopo diversi tentativi falliti per risolvere la controversia causata dalla costruzione della Grande Diga del Rinascimento, l’Egitto, l’Etiopia e il Sudan vogliono continuare a trovare una soluzione, e stanno iniziando

Rwanda

Il turismo virtuale in Africa si sviluppa in mezzo alla pandemia del coronavirus.

DW racconta come la pandemia sta cambiando l’approccio al turismo in Africa. I paesi africani offrono ai turisti di tutto il mondo la possibilità di viaggiare per il continente e