Nigeria: il settore degli anacardi procede senza una strategia governativa

Nigeria: il settore degli anacardi procede senza una strategia governativa

 

In Nigeria, l’industria degli anacardi è uno dei principali contribuenti ai guadagni delle esportazioni agricole. Mentre ha un potenziale significativo di crescita e di creazione di posti di lavoro, l’industria sta affrontando molti venti contrari che stanno rallentando il suo decollo.

Producendo una media di 200.000 tonnellate di anacardi all’anno, la Nigeria è al sesto posto nella fornitura internazionale. Con l’aumento della domanda globale e la sua maggiore attrattiva commerciale, gli anacardi sono diventati una delle principali colture commerciali del paese negli ultimi anni. Il settore è quindi una delle principali fonti di valuta estera del paese, esclusi gli idrocarburi.

Gli anacardi sono diventati una delle principali colture commerciali del paese negli ultimi anni.
Nel 2017, le esportazioni dell’oro bianco hanno generato 144,7 miliardi di naira (380 milioni di dollari) occupando così la seconda posizione nel settore agricolo dietro il cacao in termini di entrate generate, secondo i dati della National Cashew Association (NCAN). Dal punto di vista sociale, il settore è anche di notevole importanza, fornendo un sostentamento a più di 900.000 persone nei 19 stati produttori. Mentre tutte le parti interessate concordano sull’importanza del settore per l’economia nigeriana, l’industria non sta ricevendo l’attenzione che merita.

Negligenza cronica del governo
Oggi, la domanda su dove sia diretta l’industria nigeriana degli anacardi rimane senza una risposta chiara nonostante i vari interventi delle autorità. Anche se ci sono state molte iniziative negli ultimi anni, non sono state realmente operative e la vaghezza persiste. Attualmente, è molto difficile per le parti interessate avere un’idea chiara della strategia di sviluppo del settore.

Ciò è dovuto all’assenza di una vera politica nazionale da parte del governo che ponga le basi degli orientamenti strategici a medio o lungo termine. Questa mancanza di chiarezza è un grande ostacolo alle decisioni di investimento in segmenti strategici come la lavorazione a valore aggiunto, dove gli incentivi pubblici sono particolarmente necessari.

Questa situazione è aggravata dall’assenza dello Stato nella maggior parte degli ambiti in grado di stimolare uno sviluppo del settore. In effetti, il governo non ha ancora il controllo sul sistema di commercializzazione nazionale degli anacardi; questo mantiene la volatilità dei prezzi ricevuti dai produttori che devono affrontare le fluttuazioni dei prezzi mondiali.

Inoltre, la mancanza di supervisione agricola e l’insufficiente accesso dei produttori a piante efficienti limitano ancora di più l’aumento delle rese, poiché gli anacardi invecchiano e sono più vulnerabili alle malattie.
In aggiunta, la mancanza di un efficace sistema di controllo della qualità porta a un prodotto a prezzi scontati sul mercato mondiale, il che danneggia la reputazione degli anacardi nigeriani.

Oltre a questi problemi strutturali, uno dei mali che minano lo sviluppo del settore è la debole strutturazione. Attualmente, NCAN è l’unica organizzazione di riferimento incaricata di regolare il settore. Mentre sta cercando di affrontare i molti vincoli del settore, la realtà è che non sarà in grado di combattere tutte le battaglie per portare il settore al successo senza un reale sostegno da parte del governo.

Riforme urgenti
Per la Nigeria, il coinvolgimento delle autorità nel settore rimane cruciale poiché l’industria sta vivendo un vero e proprio boom a livello mondiale e non sembra essere in crisi. Una migliore considerazione del settore sarebbe vantaggiosa per il paese che ha già accumulato ritardi rispetto ad altri paesi della sub-regione. È chiaro che la Nigeria ha il potenziale per essere un peso massimo nel settore, ma lo sviluppo di questo bene richiede politiche interne sufficientemente stabili. Richiede anche che il governo svolga un ruolo più attivo nella costruzione di un vero e proprio quadro istituzionale per le riforme del settore, dalla produzione alla trasformazione alla commercializzazione.

È chiaro che la Nigeria ha il potenziale per essere un peso massimo nel settore, ma lo sviluppo di questo bene richiede politiche interne sufficientemente stabili.

Il paese potrebbe trarre ispirazione dagli esempi della Costa d’Avorio e del Ghana, che sono riusciti a creare istituzioni per governare le loro industrie. La Costa d’Avorio è stata pioniera nella riforma del settore per diversi anni, con la creazione del Conseil du coton et de l’anacarde (CCA), che mira a monitorare, regolamentare e sviluppare il settore degli anacardi mentre il Ghana ha un Consiglio degli Anacardi.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 517 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Occidentale

Forte o debole? Uno sguardo all’economia africana

Nel corso della riunione l’Africa del World Economic Forum (WEF), che si è recentemente svolta in Rwanda, nella nella capitale Kigali, i partecipanti hanno espresso il loro ottimismo sul futuro

Guinea

GUINEA: Albayrak e l’italiana Piccini gestiranno i rifiuti di Conakry

La società italiana Piccini e la società turca Albayrak sono state scelte dal governo della Guinea per gestire i rifiuti della capitale Conakry per quattro anni. Ogni anno riceveranno uno

Africa Occidentale

Agricoltura in Africa: Piantare il seme della crescita

La crescita nel settore dell’agricoltura africana languirà senza investimenti significativi da parte di partner stranieri e nazionali. Il miglioramento della produttività agricola potrebbe sostenere la crescita economica nell’Africa sub-sahariana, diminuendo