Kenya: diventare l’hub di importazione di GPL in East Africa

Kenya: diventare l’hub di importazione di GPL in East Africa

Il Kenya è posizionato per diventare l’hub di importazione di gas di petrolio liquefatto dell’Africa orientale
Sempre più stati africani stanno sensibilizzando le loro popolazioni ad abbandonare l’uso del carbone di legna per la cottura domestica a favore del gas di petrolio liquefatto (GPL).

In Kenya, il consumo di GPL è aumentato esponenzialmente negli ultimi anni grazie a un quadro giuridico appropriato e a una migliore infrastruttura di importazione e distribuzione. Il paese si è posto l’obiettivo di diventare l’hub per le importazioni di GPL nell’Africa orientale e sta lavorando per garantire che la capacità di importazione tenga il passo con la crescita del consumo interno e anticipi la domanda futura.

La politica del Kenya ha una componente regionale che gli permetterà di soddisfare parte della domanda da Etiopia, Uganda, Ruanda, Burundi e Tanzania. La strategia del governo è stata finora quella di ridurre il costo del GPL per facilitarne l’uso da parte delle popolazioni a basso reddito.

Il Kenya, che ha due terminali d’importazione di GPL a Mombasa, ha visto un aumento del trasporto del prodotto per ferrovia e camion verso l’interno del paese. Inoltre, un’ulteriore espansione delle strutture portuali e di stoccaggio nei prossimi anni dovrebbe permettere una crescita continua del consumo. Con una popolazione di oltre 54 milioni di persone, il paese si aspetta di vedere un aumento del consumo annuale pro capite di GPL a 8-9 kg entro il 2050.

Rispetto ai combustibili come il carbone, la legna da ardere e il petrolio, che emettono fumo contenente particelle nocive e contribuiscono all’aumento delle emissioni di gas serra, il gas distribuito in bombole, noto anche come gas di petrolio liquefatto, è considerato più pulito. Il suo uso è quindi sempre più favorito dai paesi africani.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 516 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

Gibuti: la sta costruendo la più grande zona di libero scambio dell’Africa

Gibuti sta sfruttando la sua posizione strategica su una delle rotte commerciali più trafficate al mondo per costruire la più grande zona di libero scambio dell’Africa. La nazione del Corno

Economia

SACE – Intesa Sanpaolo – BNP Paribas per CMC Ravenna: € 306 milioni per il progetto della diga di Itare in Kenya

In occasione della missione del premier Matteo Renzi in Kenya, SACE, Intesa Sanpaolo e BNP Paribas annunciano la finalizzazione dell’operazione di finanziamento del progetto della diga di Itare, del valore

Africa Orientale

Kenya, presentato piano di impatto ambientale per una centrale nucleare

L’Agenzia nucleare del Kenya ha appena presentato una valutazione d’impatto per la realizzazione di un programma di costruzione di una centrale nucleare da 5 miliardi di dollari. L’infrastruttura da costruire